Ecco la rispos­ta, las­ci­a­ta nei com­men­ti, riguar­do la con­tro­ver­sia Sub­dued – Style For Style, diret­ta­mente da una rap­p­re­sen­tante del­l’azien­da. Mi pare­va cor­ret­to postare entram­bi i pun­ti di vista.

Ciao a tutti,
sono Lau­ra e vi scri­vo a nome del mar­chio Subdued.
Vor­rei spie­gare per bene quan­to è suc­ce­so per­chè sto leggen­do nei vari blog parole trop­po pesan­ti al riguar­do ai lim­i­ti del­la diffamazione e pass­abili quin­di di querela. Sub­dued ha una sua iden­tità forte e con­sol­i­da­ta, i suoi design­er sono pro­fes­sion­isti seri ed affer­mati che non han­no bisog­no di rubare le idee di gio­vani blog­ger creative.
Questo è l’accaduto:
Per rispon­dere alle con­tin­ue richi­este delle nos­tre cli­en­ti desiderose di dire la loro in fat­to di moda abbi­amo lan­ci­a­to un pic­co­lo con­cor­so che dà ad alcune di loro la pos­si­bil­ità di vedere real­iz­za­ta la pro­pria tshirt. Le magli­ette in ques­tione che trovate nei nos­tri negozi ci sono state pro­poste da alcune cli­en­ti e ci ten­go a pre­cis­are NON SONO STATE REALIZZATE DAI NOSTRI STYLIST.
Trat­tan­dosi di una pic­co­la inizia­ti­va rispet­to a ben più ingen­ti cose di cui ci occu­pi­amo, per parte­ci­pare bas­ta pre­sentare un’autocertificazione di orig­i­nal­ità del dis­eg­no che ci viene pro­pos­to. Nel­lo speci­fi­co sig­nifi­ca che le cli­en­ti che ci han­no pro­pos­to questi dis­eg­ni han­no rubac­chi­a­to qua e là le idee spac­cian­dole per pro­prie, cosa che del resto, in regime di copy­left, è anche abbas­tan­za fre­quente ed incontrollabile.
Ci dispi­ace molto per l’accaduto, spe­ri­amo viva­mente che le prossime idee che ci giunger­an­no saran­no aut­en­ti­ca­mente originali.
Laura