Mi sen­to molto Fer­ragna in questo momen­to, spero di non mon­tar­mi la tes­ta come lei, o di sem­brarvi megalomane.

Mi baso sui dati di fat­to, notati non solo da me, ma anche da due per­sone a cui ten­go molto (e alle quali ho chiesto se era­no mie impres­sioni per­chè sono paz­za o se se si trat­ta del­la realtà).

Ebbene, non appe­na questo blog ha inizia­to ad avere qualche visi­ta (e non dico tante vis­ite, per­chè ammet­ti­amo­lo, non lo sono pro­prio!) alcu­ni post sono sta­ti copiati di sana pianta, o posta­ti altrove sen­za link di rifer­i­men­to. Pas­si, las­ci­amo perdere.

Quan­do però ti ritro­vi un altro blog che sep­pur con notizie diverse, si strut­tura in modo iden­ti­co al tuo, addirit­tura per le cosine che ren­dono questo un mon­do tut­to suo (vedi le Note to self, molto usate su Tum­blr, ma che ho riu­ti­liz­za­to qui per una sor­ta di stream of con­scious­ness), ti gira­no pro­prio le palle.

E no, non mi scu­so per il france­sis­mo, per­chè ogni tan­to pro­prio ci sta.