Yves Saint Laurent Black Opium Eau de Parfum - Recensione e Note olfattive

Ci sono dei pro­fu­mi che ti con­quis­tano al pri­mo colpo, altri che han­no bisog­no di essere sen­ti­ti più volte, ma da quel momen­to si imprimer­an­no nel­la memo­ria indis­sol­u­bil­mente. Yves Saint Lau­rent Black Opi­um fa parte di ques­ta cat­e­go­ria: una fra­gran­za par­ti­co­lare, qua­si fas­tidiosa al prim­is­si­mo spruz­zo, ma che in pochi minu­ti riesce a fare innamorare, gra­zie al suo ani­mo dolce e spezi­a­to, a cen­ni qua­si mas­col­i­no.

Opi­um, l’originale degli anni ’70, è uno dei pro­fu­mi più iconi­ci di sem­pre: un mix di note ori­en­tali e spezi­ate ispi­rate agli sfarzi del­la Cina Impe­ri­ale, diven­ta­to un cult per tre intere deca­di. Per quan­to non fos­se un pro­fu­mo adat­to alla mia età, fin da bam­bi­na mi ha sem­pre attrat­ta: lo ricol­lego al ricor­do di una men­so­la a casa di mia non­na, dove mia zia tene­va tutte le con­fezioni dei suoi pro­fu­mi, che io imman­ca­bil­mente annusa­vo. Sono pas­sati più di vent’anni e fac­cio lo stes­so, con l’unica dif­feren­za che la libre­ria è la mia.

Black Opi­um è il per­fet­to erede del suo ante­na­to del 1977: ne mantiene l’anima flo­re­ale con sen­tori speziati elim­i­nan­do però – in parte – gli agru­mi, in favore di una nota par­ti­co­laris­si­ma per un pro­fu­mo da don­na. Nathalie Lor­son (Just Cav­al­li, David­off Cool Water) e Marie Sala­m­agne (Roger & Gal­let Rose Imag­i­naire), in col­lab­o­razione con Olivi­er Cre­sp (Dior Mid­night Poi­son, Thier­ry Mugler Angel) e Hon­orine Blanc, han­no ideato l’essenza inseren­do per la pri­ma vol­ta un alto quan­ti­ta­ti­vo di caf­fè tra le note di cuore. Il risul­ta­to? Un pro­fu­mo pro­fon­do e inusuale, fem­minile ma fuori dagli sche­mi.

Yves Saint Laurent Black Opium Eau de Parfum - Recensione e Note olfattive

La con­fezione rispec­chia per­fet­ta­mente la fra­gran­za che con­tiene: una scoc­ca nera e luci­da, impreziosi­ta da pic­col­is­si­mi shim­mer argen­tati, den­tro alla quale è pos­si­bile vedere il pro­fu­mo attra­ver­so un pic­co­lo oblò.

I com­men­ti sul pro­fu­mo sono sta­ti svariati: è sta­to molto apprez­za­to dal­la com­pagine maschile (“è ine­bri­ante”, “è stra­no.. fem­minile ma sen­za essere da vec­chia sig­no­ra”, “ti si adat­ta per­fet­ta­mente”), altret­tan­to dal­la fem­minile. Una cosa che mi è sta­ta fat­ta notare riguar­da la dura­ta, nota­ta qualche giorno fa durante la notte di Capo­dan­no: alle 6 del mat­ti­no, nonos­tante cena – viag­gio in taxi – sigarette – dis­cote­ca, il suo sen­tore era anco­ra pre­sente. Magia!

A chi lo con­siglio? A chi come me ama i pro­fu­mi dol­ci ma non stuc­chevoli, con qualche nota di spezie a ren­der­li più par­ti­co­lari. Si trat­ta di una fra­gran­za adat­tis­si­ma alla sta­gione fred­da, decisa­mente di meno all’Estate, per­ché forse trop­po forte. L’alternativa è come sem­pre l’Eau de Toi­lette, decisa­mente più leg­gera.

Il prez­zo è abbas­tan­za con­tenu­to: per l’Eau de Par­fum si par­la di € 56.45 per 30ml; € 80.85 per 50ml; € 107.50 per 90ml (su Sabbioni.it).

Yves Saint Laurent Black Opium – Piramide olfattiva

Note di tes­ta:
Pepe Rosa, Man­dari­no, Pera.

Note di cuore:
Fiori d’Arancio, Gel­somi­no di Sam­bac, Eliotro­pio.

Note di fon­do:
Caf­fè, Vaniglia, Patchouli.

Dis­claimer: il prodot­to recen­si­to è sta­to acquis­ta­to da me. Un’altra con­fezione mi è sta­ta invi­a­ta gra­tuita­mente per il prog­et­to natal­izio di Pro­fumerie Sab­bioni.

advert-image