Day 16 — A song that makes you cry (or nearly)

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=9vAZasIFT70]

After­hours – Ci sono molti modi

É quel­lo che sai che ti uccide o è quel­lo che non sai
A men­tire alle mani, al cuore, ai reni
Las­cian­doti fot­tere forte
Per spinger­ti I pre­sa­gi
Via dal cuore su in tes­ta, sop­primer­li
Non sai
Non sai
Che l’amore è una patolo­gia
Saprò come estir­par­la via
Torner­e­mo a scor­rere
Torner­e­mo a scor­rere
Eroe del mio infer­no pri­va­to
Se in giro di rou­tine
Indos­si il vuo­to con classe
È tut­to ciò che avrai
Per­chè quan­do il dolore è più grande
Poi non sen­ti più
E per sen­tir­ti vivo
Ti ucciderò
Ti ucciderò
Vedrai
Vedrai se il mio amore è una patolo­gia saprò come estir­par­la via
Torner­e­mo a scor­rere
Torner­e­mo a scor­rere
Torner­e­mo a scor­rere
Torner­e­mo a scor­rere
Lo so
Lo so che il mio amore è una patolo­gia vor­rei che mi uccidesse ora

Colon­na sono­ra del mio cuore spez­za­to, ogni vol­ta che suc­cede. E’ la clas­si­ca can­zone che nel momen­to più bas­so ti deprime ancor di più, e ti fa pian­gere fino a scari­car­ti com­ple­ta­mente.

Cer­to, non è pro­pri­a­mente alle­gra, ed è pure trop­po cini­ca forse, ma è stu­pen­da.

[Info Gio­co]

advert-image